mercoledì 31 ottobre 2012


VINCITORI E VINTI (Judgement at Nuremberg,USA 1961)
DI STANLEY KRAMER
DRAMMATICO
"Giudizio a Norimberga" fu un lavoro per la TV prodotto nel 1959,diretto da GEORGE ROY HILL,che vedeva tra gli interpreti MAXIMILLIAN SCHELL e WERNER KLEMPERER nei ruoli poi ripresi per la versione cinematografica che fu "VINCITORI E VINTI".Entrambi interpretarono ruoli poco appetibili e non semplici,quali,rispettivamente,l'avvocato difensore dei criminali di guerra nazisti,e il nazista irriducibile:Klemperer interpretò successivamente per la televisione,conquistando una certa notorietà,nel ruolo del colonnello KIink nella serie "GLI EROI DI HOGAN":La famiglia dell'attore,polacca,era fuggita dalla propria patria per scampare alla furia nazista. Nella scena in cui il personaggio di Klempererer,Hahn,sente emettere la sentenza che lo condanna all'ergastolo,scatta in piedi e grida "Oggi voi condannate me!Domani saranno i bolscevici a condannare voi!" è probabilmente ispirata alla vera uscita del reale criminale di guerra Julius Streicher,il quale gridò in aula,dopo aver sentito la propria condanna all'impiccagione,più o meno la stessa cosa.STANLEY KRAMER avrebbe voluto JULIE HARRIS nel ruolo che andò a JUDY GARLAND,e quest'ultima tornò sullo schermo a sette anni dalla sua ultima interpretazione in "E' NATA UNA STELLA".Originariamente,per il ruolo cruciale di Ernst Jannings venne scelto LAURENCE OLIVIER ma il ruolo venne assegnato poi a BURT LANCASTER.La pellicola venne girata a Norimberga,ove la storia che racconta è ambientata.La prima mondiale,tenutasi a Berlino venne introdotta e presentata dal sindaco,all'epoca WILLY BRANDT.Il regista fece intervenire molti giornalisti venuti dagli USA alla prèmiere:i critici tedeschi furono tiepidi con il film,meno impressionati dei colleghi statunitensi.Schell vinse l'Oscar come miglior non protagonista:e pensare che nella presentazione del cast sui manifesti,e nella retribuzione,.figurava ben dietro SPENCER TRACY,Burt Lancaster,MARLENE DIETRICH,e RICHARD WIDMARK.Questo rende Maximillian Schell l'attore meno pagato,in proporzione al resto del cast,ad aver vinto il premio Oscar.MARLON BRANDO si interessò al ruolo di Hans Rolfe,l'avvocato difensore dei nazisti,e esplicitamente si fece avanti per interpretarlo sullo schermo,chiedendo direttamente a Kramer di assegnargli la parte:benchè l'idea di avere una star come Brando nel cast intrigasse sia il regista che gli sceneggiatori,questi erano stati fortemente impressionati dall'interpretazione di Maximillian Schell nella versione televisiva,decidendo infine di lasciare il difficile ruolo al relativamente conosciuto attore d'origine tedesca.MARLENE DIETRICH ebbe molti problemi nel fornire la sua interpretazione,essendo tedesca e allontanatasi dal suo paese per l'avvento di Hitler al potere:il suo personaggio,la signora Bertholt,afferma che i suoi connazionali non potevano essere a conoscenza delle atrocità commesse dai nazisti.L'attrice,che fece spettacoli per le truppe Alleate,trovava le frasi da pronunciare fortemente ripugnanti,e tendeva a non riuscire a concentrarsi nel recitare,fortemente scossa ed inquieta.Fu Spencer Tracy a prenderla da parte e parlarle a lungo,che la tranquillizzò e la rese pronta per recitare il ruolo.Pare che per il personaggio la Dietrich si sia ispirata alla propria madre.La scena in cui il proprio personaggio spiega il significato della canzone "Lili Marleen" fu doppiamente coinvolgente per la star,essendo stata lei ad interpretarla.Il monologo della sentenza espressa dal magistrato interpretato da Tracy dura 11 minuti,e fu girato in un'unica ripresa.Burt Lancaster non dice una sola parola nel tribunale,per due ore e un quarto di film,finchè il suo personaggio,Ernst Jannings,non è chiamato a lasciare la propria deposizione:prima,l'attore esprime non più di tre frasi,nelle scene in cui Jannings è in carcere.MONTGOMERY CLIFT aveva l'uso di tagliarsi i capelli cortissimi tra un film e l'altro,e non riprendeva la lavorazione di nuovi lungometraggi finchè non erano sufficientemente ricresciuti:la sequenza che lo vede in scena come testimone al processo fu girata,infatti,in una sosta tra due progetti,e si può vedere dal taglio dei capelli dell'attore.Ebbe problemi,inoltre,a ricordare le proprie battute,e la sequenza dovette essere rigirata diverse volte.Stanley Kramer giunse al limite della propria pazienza e si arrese,dando il permesso a Clitft di improvvisare,basandosi sul copione assegnatogli,in questo modo evidenziando la confusione mentale del personaggio interpretato;Kramer disse,in un'intervista,che l'attore aveva accettato con sollievo tale decisione,e benchè non si fosse attenuto alla normale lavorazione,aveva reso al meglio,più di quanto il regista avrebbe sperato,la parte.Clift era già entrato in una grande fase critica,dopo l'incidente occorsogli che lo aveva parzialmente sfregiato,e aveva cominciato ad avere seri problemi di tenuta nervosa..Alcuni dei filmati mostrati in tribunale durante il processo sono veri,ripresi dai soldati americani durante l'ingresso nei campi di sterminio dei nazisti.Molti degli interpreti principali della pellicola accettarono di prendere solo una versione ridotta del proprio usuale salario,per poter partecipare ad un film che sentivano importantissimo.La sceneggiatrice del film, ABBY MANN,scrisse nel 2000 un adattamento teatrale di "Vincitori e vinti",che venne portato sul palcoscenico anche da Schell,e andò in scena per 56 repliche.La Mann morì nel 2008,il 25 marzo,un giorno dopo Richard Widmark.

martedì 30 ottobre 2012


GODZILLA (Gojira,Nippon,1954)
DI ISHIRO HONDA
FANTASCIENZA
Lo spunto che fece nascere "GODZILLA" venne al produttore TOMOYUKI TANAKA dopo che una coproduzione tra Giappone e Indonesia,che faceva riferimento al fatto vero di un peschereccio nipponico finito troppo vicino alle acque dove si era svolto un esperimento nucleare americano,non venne realizzata.Il produttore disse che l'idea gli era venuta guardando il mare dall'aereo di ritorno dall'Indonesia,dopo che il progetto era andato a picco,e Tanaka si chiuse cosa potesse nascondersi sotto la superficie dell'acqua.Il nome originario "Gojira" è una combinazione delle due parole "gorira" e "kujira",che in giapponese significano "gorilla" e "balena":il mostro creato da un incidente nucleare,nel design originale,avrebbe dovuto essere una combinazione dei due animali,ma quando Tanaka vide il film di fantascienza americano "IL RISVEGLIO DEL DINOSAURO",cambiò idea e volle che la creatura fosse una versione rivisitata di un grande rettile anfibio:nonostante il cambio delle "fattezze" di Gojira,il mostro mantenne il nome originale.Un altro nome preso in considerazione per il dinosauro fu Anguirus,che venne dato ad un altro mostro,nemico di Godzilla,in un film seguente della serie.Circa il nome internazionale della creatura radioattiva,"God-zi-la" è foneticamente molto vicino all'originale:i distributori americani reintitolarono il film "GODZILLA,KING OF MONSTERS!" e aggiunsero scene che includevano RAYMOND BURR per rendere più appetibile la pellicola al pubblico statunitense.La Toho rimase ed è ancora la detentrice dei diritti di sfruttamento del nome Godzilla.Il tecnico degli effetti speciali EIJI TSUBURAYA avrebbe voluto che la creatura fosse una piovra gigante,ma la decisione era presa:l'artista ebbe modo comunque di creare piovre gigantesche in "KING KONG CONTRO GODZILLA" e "KATANGO".Un'altra versione prevedeva che Godzilla avesse sulla testa una strana chioma muschiosa dalla forma a fungo,richiamando così l'esplosione atomica:è possibile vederne uno studio grafico nel Blue-Ray edito per i cinquant'anni dell'uscita del film.La pelle di Godzilla inizialmente richiamava quella di un alligatore,ma poi si scelse di dargli un aspetto più roccioso,perchè le radiazioni lo avevano reso simile a pietra bruciata.Tanaka era a conoscenza del fatto che il film sarebbe costato molti soldi,e voleva fornirgli una buona base narrativa:ingaggiò così SHIGERU KAYAMA,uno degli scrittori di thriller più quotati in Giappone nei primi anni Cinquanta,per fargli stendere il soggetto.Per la complessità della produzione,il film fu dapprima interamente disegnato su storyboard:fu la prima volta che accadeva per un lungometraggio giapponese.Le prime scene disegnate riportavano la creatura con sembianze diverse da scena a scena,perchè erano state commissionate a artisti diversi,con indicazioni diverse.La stop-motion fu esclusa quasi subito per creare i movimenti della creatura,perchè nessuno in Giappone aveva mai girato un film fantascientifica in tal modo,e avrebbe comportato tempi più lunghi,aumentando i costi della produzione.GEORGE LUCAS ha sempre citato questo film,con le sue miniature scenografiche,come modello per la sua saga di "STAR WARS". Il primo Godzilla che venne costruito pesava circa 90 kilogrammi,rendendo molto arduo per il mimo,HARUO NAKAJIMA, che stava dentro il "costume" muoversi:inoltre,il latex utilizzato era molto poco flessibile e rendeva difficilissimo qualsiasi movimento,anche i minimi.Successivamente,furono preparati costumi più leggeri,ma comunque piuttosto pesanti e ingombranti.E,naturalmente,all'interno,per il povero Nakajima,faceva un caldo terribile.Venne calcolato che il sudore dell'uomo all'interno del costume del mostro avrebbe riempito una grande tazza da cappuccino.Sulla schiena del costume c'erano tre aperture,per muovere occhi e bocca di Godzilla.I tecnici del suono provarono vari ruggiti per dare "voce" al mostro,ma nessuno fu soddisfacente o adeguato a una creatura di quelle proporzioni.Fu AKIRA IKUFUBE a escogitare il caratteristico suono del ruggito di Godzilla,sfregando un guanto di pelle e resina sulla corda di un contrabbasso avanti e indietro,per poi registrare il suono al contrario.E per fornire l'adeguato rumore dei passi del mostro,venne battuto un tamburo con una corda annodata.La prima apparizione del mostro,per essere più impressionante,prevedeva che avesse una mucca tra le fauci,ma dopo una prima proiezione-test,il direttore della fotografia MASAO TAMAI trovò la sequenza brutta e convinse il regista a rigirarla senza l'animale in bocca a Godzilla.I tralicci che Godzilla distrugge con il suo soffio radioattivo erano fatti di cera,e si sciolsero con getti di aria calda:i lampi che si vedono nella scena erano creati in studio con luci forti e bianche.L'edificio che il dinosauro rade al suolo,con campanile e orologio fu costruito nel 1932,e tuttora è in piedi.L'esercito che giunge alla spiaggia per affrontare Godzilla era davvero quello giapponese:Honda riprese delle manovre che alcune truppe stavano mettendo in pratica.Le sequenze in cui Godzilla si muove sott'acqua furono realizzate riprendendo il mostro con un acquario davanti,per creare l'effetto della liquidità.Al tempo della sua realizzazione,fu il film giapponese più costoso mai girato.La produzione contemporanea di questo film e de "I SETTE SAMURAI" rischiarono di portare la Toho sull'orlo della bancarotta.All'uscita del lungometraggio in patria parte della stampa sollevò proteste domandandosi perchè il cinema giapponese dovesse far ricorso ad effetti speciali,specificando che si avvicinava troppo allo stile americano di realizzare film:fu vano,perchè il pubblico premiò il film di Honda facendolo diventare uno dei più grandi successi mai prodotti in Giappone,e aprendo di fatto la stagione del cinema ad alto uso di effetti speciali.Fu uno dei primi film giapponesi ad essere proiettati in Corea quando i rapporti tra i due paesi,spesso in conflitto,tornarono a migliorare.Nel 2004,per i cinquant'anni del film,venne intitolata una stella a Godzilla sulla Walk of Fame.

sabato 27 ottobre 2012


LA SCALA A CHIOCCIOLA (The spiral staircase,USA 1945)
DI ROBERT SIODMAK
THRILLER
Il film è basato sul romanzo di ETHEL LINA WHITE,intitolato "Someone must watch",dato alle stampe nel 1933,ma nella sceneggiatura sono numerosi i cambiamenti rispetto al libro.Rispetto alla pagina scritta,nel film la protagonista è muta,anzichè avere una semiparalisi;l'ambientazione è nell'Inghilterra degli anni Quaranta,anzichè ai primi del Novecento nel New England;e l'idea del titolo,e dell'includere la "scala a chiocciola" nel racconto viene da un altro romanzo,"The circular staircase".Qui l'eroina del romanzo non ha alcun handicap,e nemmeno le vittime dell'assassino.JOAN CRAWFORD,che aveva ottenuto il plauso della critica ed un successo particolarmente personale con "VOLTO DI DONNA",possedeva i diritti del romanzo della White,e aveva intenzione di candidarsi per il ruolo della cameriera muta che è il personaggio principale del film di ROBERT SIODMAK,ma fu LEO B.MAYER a opporsi nettamente all'iniziativa,perchè non avrebbe più finanziato film con persone portatrici di handicap negli anni a venire.La parte andò così a DOROTHY MCGUIRE.Gli occhi dell'omicida,nelle sequenze in cui vengono inquadrati,appartengono al regista.Dopo il grande successo del film vennero proposte due versioni radiofoniche,come usava all'epoca,con i film di maggiore incasso,interpretate dalle voci della McGuire,e da GEORGE BRENT.

venerdì 26 ottobre 2012


KIM BASINGER( Kimila Ann Basinger,Athens,Georgia,USA,08/12/53-,,,,)
Terza di cinque figli di una coppia che lavorava nello spettacolo (il padre suonava in una jazz band,la madre era stata una delle componenti dei balletti di ESTHER WILLIAMS),KIM BASINGER era una ragazzina molto introversa,di una timidezza estrema.Per aiutarla ad esserlo meno,i genitori la segnarono a scuola di danza molto presto.A sedici anni divenne reginetta di bellezza,e ottenne il titolo di Miss Georgia:giunse a New York per concorrere ad un premio su scala nazionale,e venne notata,perchè era già una ragazza alta oltre un metro e settanta alla sua età,e venne messa sotto contratto dalla Ford Modeling Agency.A venti anni,Kim Basinger era una top model da 1000 dollari al giorno.Nei primi anni Settanta apparve su molte copertine di giornale,lavorò come attrice e cantante in varie occasioni.Nel 1976 l'attrice si trasferì a Los Angeles,decisa ad aprirsi un varco nel cinema.Iniziò con partecipazioni a popolari show televisivi,come "CHARLIE'S ANGELS",e film per la tv,fino all'apparizione,degna di nota,nel "DA QUI ALL'ETERNITA'" televisivo.Nel 1980,la Basinger si sposò con un truccatore,RON BRITTON,e l'anno seguente cominciò a recitare in film di basso budget,fino a "I PREDATORI DELLA VENA D'ORO",di e con CHARLTON HESTON,per poi avere il ruolo di Domino nel remake di "THUNDERBALL",il ritorno di SEAN CONNERY nelle vesti di James Bond in "MAI DIRE MAI".Non aveva mai visto un film di 007 fino ad allora.Da lì partì la carriera verso l'alto della star,che condivise lo schermo con molti sex-symbol maschili quali BURT REYNOLDS ("I MIEI PROBLEMI CON LE DONNE"),ROBERT REDFORD("IL MIGLIORE"),RICHARD GERE("NESSUNA PIETA'"),MICKEY ROURKE ("9 SETTIMANE E 1/2"),BRUCE WILLIS ("APPUNTAMENTO AL BUIO").Venne scelta,inoltre,come coprotagonista femminile per il kolossal "BATMAN" da TIM BURTON,vincendo la concorrenza di un nugolo di altre attrici.All'apice del proprio successo e divenuta una vera e propria icona di bellezza,oltre che un'apprezzata stella del cinema,la Basinger mise su un gruppo di investitori per acquisire l'intera cittadina di Braselton,nella nativa Georgia,per 20 milioni di dollari,nel 1990:più tardi ha dovuto vendere tutto.Divorziatasi nel 1989 da Britton,la bellissima Kim avviò una relazione con ALEC BALDWIN nel 1990:con il collega si sposò tre anni dopo,ed ebbero una figlia nel 1995.Per una controversia con JENNIFER LYNCH,dopo aver firmato il contratto per girare "BOXING HELENA",Kim Basinger volle provare a rescinderlo,ma le costò assai caro,rimanendo bloccata per bancarotta,essendo condannata a pagare 8 milioni di dollari di penale (anche se in appello la sentenza venne ribaltata) e dovendo praticamente girare un paio di film di poco conto.La rinascita vera e propria è avvenuta con il ruolo della prostituta di lusso in "L.A.CONFIDENTIAL",un'interpretazione che la portò a vincere l'Oscar come miglior non protagonista:prima Bond-girl a guadagnare il premio,e la sola assieme a HALLE BERRY,a vincere la statuetta.subito dopo ottenne il contratto più proficuo della sua carriera,per "SOGNAVO L'AFRICA",5 milioni di dollari.In seguito,sempre sotto la direzione di CURTIS HANSON,ha fornito l'interpretazione della madre alcoolizzata del protagonista EMINEM in "8 MILE",e partecipato a film meno fortunati quali "CELLULAR","THE SENTINEL".Avrebbe voluto interpretare la parte principale nella versione cinematografica di "MAMMA MIA!",ma il ruolo andò a MERYL STREEP."Vegetariana convinta,ha assunto diverse iniziative per la difesa e la salvaguardia degli animali.E' stata anche la sola,assieme a CHARLIZE THERON,ad essere apparsa nuda su "Playboy" e avere vinto l'Oscar.
DICHIARAZIONI PERSONALI
"Lavoro in uno strano ambiente,in cui la parola "fiducia" non appartiene al vocabolario."

"Devi essere un pò falso per stare in questo mondo di lavoro."
"Sento come se ci fossero due persone in me:io e il mio intuito.Quando gli vado contro,mi sgrida violentemente,se gli do retta,andiamo d'amore e d'accordo."

giovedì 25 ottobre 2012


GANGS OF NEW YORK (Gangs of New York,USA 2002)
DI MARTIN SCORSESE
DRAMMATICO
"GANGS OF NEW YORK" fu ideato nel 1978,e avrebbe dovuto essere prodotto tra il 1980 ed il 1981,MARTIN SCORSESE aveva in mente di girarlo dopo "L'ULTIMO VALZER",ma il gigantesco flop de "I CANCELLI DEL CIELO" indusse le case di produzione a bloccare ogni progetto che costasse così tanto e trattasse di drammi a sfondo storico,e così il regista iniziò la lavorazione di "TORO SCATENATO". Il regista,appassionatosi al tema,tuttavia annunciò diverse volte che avrebbe girato comunque il film,proponendo via via i ruoli principali a diversi attori.Tra i vari nomi che sono stati considerati per interpretare la pellicola,MEL GIBSON come  Amsterdam Vallon e WILLEM DAFOE,o ROBERT DE NIRO come Bill "The Butcher".Il nome del protagonista proviene dal primo nome dato a New York,e cioè New Amsterdam,prima dell'arrivo degli inglesi.Scorsese ricreò la New York del XIX secolo a Cinecittà:in visita al mastodontico set del film,GEORGE LUCAS disse all'amico e collega che con l'uso della computer graphic avrebbe speso meno e ottenuto con meno fatica risultati altrettanto belli.Molte delle gangs nominate nel film esisterono veramente negli anni in cui si svolge la storia narrata,e Bill "The Butcher" Poole è realmente vissuto,anche se è morto ben prima delle rivolte che chiudono il lungometraggio.Il nome della gang dei "Conigli morti" ha un secondo significato:in irlandese stretto "rabbit" suona come "raibèad",e cioè "uomini senza paura".La colonna sonora venne commissionata a ELMER BERNSTEIN,preparata ed incisa,ma prima del montaggio del film venne sostituita,per ragioni mai del tutto rese chiare.Venne offerto un ruolo a JONATHAN RHYS-MEYERS,che declinò avendo troppi impegni nel periodo utile alle riprese.Sia il regista che LEONARDO DI CAPRIO ridussero notevolmente gli usuali salari percepiti per rendere realizzabile il film.DANIEL DAY-LEWIS usò lo stesso accento newyorkese all'antica sia mentre era sul set che fuori,per tutto il periodo della lavorazione dell'opera;il modello fu WALT WITHMAN,in una delle sue rare incisioni sonore.L'attore inglese rivelò poi che per darsi la carica prima di entrare in scena,ascoltava Eminem. Day-Lewis si sentiva così a disagio con i capelli costantemente ricoperti di brillantina o olio,come il suo personaggio richiedeva,che,a riprese terminate,si rasò completamente la testa.Il budget iniziale della pellicola era di 83 milioni di dollari,divenuti a fine corsa 97.L'assassinio di Padre Vallon,interpretato da Liam Neeson,originariamente era molto più violento,e avrebbe contemplato "The butcher" accanirsi sul cadavere e smembrarlo.Durante la scena al teatro cinese,Bill The Butcher incita i suoi uomini ad intonare un canto tipico americano,e il motivo che viene cantato è "Garry Owen",un antico canto gaelico spesso echeggiante nelle serate a forte base di alcool:la canzone divenne l'inno ufficiale del 7° Cavalleggeri,spesso ricco di irlandesi nell'organico,ingloriosamente caduto,assieme al proprio condottiero,il generale George Armstrong Custer,nella battaglia di Little Big Horn,strategicamente un fallimento.Il montaggio originale prevedeva un'altra ora di proiezione.QuandoThe Butcher si rivolge al boss Tweed alludendo alla sua "francesizzazione",dopo averlo trovato con prostitute,in gergo allude a malattie veneree. Bill "The Butcher" interagisce con ogni personaggio maschile di una minima importanza visibile nel film,per sottolineare il suo potere e la sua forte influenza nei "Five Points".Il sangue che c'è sul collo di Jenny,interpretata da CAMERON DIAZ,quando Amsterdam Vallon prende indietro la sua medaglia è aggiunto digitalmente.Venne ingaggiato un tizio chiamato "L'italiano",che aveva lavorato per oltre trent'anni in bische e casinò,per insegnare alla Diaz a rimescolare i mazzi di carte.Cercando persone che parlassero l'inglese come figuranti,vennero presi diversi militari della base USA di Aviano in Italia.Ad un certo punto del film,Monk,interpretato da BRENDAN GLEESON,dice una frase in gaelico a Amsterdam Vallon:prima di diventare un attore prodessionista,Gleeson era un insegnante di lingue britanniche antiche.Di Caprio fratturò il naso a Day-Lewis in una scena di combattimento,senza farlo apposta.Nella scena in cui si avvia allo scontro conclusivo,Amsterdam Vallon ha le mani fasciate in cestus,le fasce usate dai gladiatori come guanti per combattere.Scorsese conclude il film con la vista del World Trade Center,pur essendo stato distrutto l'11 settembre 2001,un anno prima dell'uscita del suo film nelle sale:il regista affermò che l'ultima immagine sottolinea che il suo racconto è su chi contribuì a costruire la città,non su chi ha provato a distruggerla.La visuale che offre il cimitero di Green-Wood non è quella che chiude il film,ma lo è quella di Brooklyn,a Williamsburg.Alcune parti del set vennero riutlizzate per girare "LA PASSIONE DI CRISTO".Il film fu annunciato per Natale 2001 nei cinema,ma l'uscita venne posticipata di un anno per i continui ritocchi apportati dal regista al suo lavoro.

martedì 23 ottobre 2012


THELMA & LOUISE (Thelma & Louise,USA 1991)
DI RIDLEY SCOTT
DRAMMATICO
La sceneggiatrice CALLIE KHOURI concepì l'idea per "THELMA & LOUISE" nel 1979:propose il progetto a RIDLEY SCOTT l'anno dopo,ed il regista scelse il titolo da dare all'operazione,che rimase poi quello definitivo,e avrebbe prodotto la pellicola,facendola dirigere alla Khouri.La fecero girare per molte case di produzione,incontrando diversi rifiuti,finchè,nel 1981,la MGM acquistò i diritti per produrre il film.Però Callie Khouri si disse impreparata a condurre la regia,e fu così che lo stesso Scott si prendesse la responsabilità della direzione,annunciando il film in uscita nel 1983,puntando su NATALIE WOOD nei panni di  Louise,la meno giovane delle due protagoniste,e TUESDAY WELD in quelli di Thelma.Ma la Wood morì nel 1981,e la Weld si sfilò dall'impegno preso sulla parola,facendo sì che Scott lasciasse slittare la lavorazione del film,e cominciasse a preparare "LEGEND".La sceneggiatura,però faceva gola a molti registi,che mostrarono interesse per poter dirigerne il film tratto,come BRIAN DE PALMA, JOHN CARPENTER,RICHARD DONNER,SIDNEY LUMET.Ma il progetto continuava a rimanere tale:nel 1988 Scott,con due film di poco successo alle spalle,ricominciò ad interessarsi alla storia,prendendo in considerazione molte attrici per vagliarle come potenziali eroine del lungometraggio.MIA FARROW,LILY TOMLIN,CANDICE BERGEN,MERYL STREEP,JESSICA LANGE,KELLY MCGILLIS,KATHLEEN TURNER,ISABELLA ROSSELLINI per il ruolo di Thelma,VANESSA REDGRAVE,GLENN CLOSE,ANJELICA HUSTON,GOLDIE HAWN,ELLEN BARKIN,LORRAINE BRACCO,CHER,DIANE KEATON,SIGOURNEY WEAVER per quello di Louise,JAMES WOODS,DUSTIN HOFFMAN,RICHARD GERE,JACK NICHOLSON,DAVID BOWIE,TIM CURRY,AL PACINO,ROBERT DE NIRO per la parte del poliziotto dalla loro parte Hal,BRUCE WILLIS,KEVIN COSTNER,CHEVY CHASE per interpretare Jimmy,il fidanzato di Louise,JON VOIGHT,JOHN TRAVOLTA,WILLEM DAFOE per il ruolo di Max,il superiore di Hal,CHRISTOPHER ATKINS ,GEORGE CLOONEY,WILLIAM BALDWIN per J.D.,il vagabondo seduttore che ruba i soldi a Thelma dopo una notte in motel.I ruoli andarono,rispettivamente a GEENA DAVIS,SUSAN SARANDON,HARVEY KEITEL,MICHAEL MADSEN,STEPHEN TOBOLOWSKY,BRAD PITT.Nella sceneggiatura originale le due donne avevano la stessa età.Per girare il film vennero utilizzate 5 Thunderbird del 1966 identiche,24 auto della polizia e tre elicotteri,questi ultimi utilizzati soprattutto per la scena finale.Scott visionò "LA RABBIA GIOVANE" prima di cominciare a girare,per studiarne le atmosfere.Per le sequenze più "hot" tra Geena Davis e Brad Pitt nella scena del motel,il regista aveva assunto una controfigura per l'attrice,la quale invece insistette per girare le scene,asserendo che non c'era assolutamente bisogno di sue sosia.Nella scena in cui le due protagoniste sparano al camion del guidatore molesto e lo fanno esplodere,Scott voleva che i personaggi avessero una reazione genuinamente sorpresa:non avvertì la Sarandon e la Davis di quel che sarebbe successo,e le due attrici rimasero talmente attonite dall'esplosione,che dovette girare una nuova versione delle loro espressioni.Il regista girò un finale più lungo,in cui si vede la macchina di Thelma & Louise precipitare nel canyon,sulle note malinconiche di un blues di B.B.KING:invece,alla fine,optò per congelare l'immagine nel volo dell'auto sospesa in aria.Susan Sarandon rivelò in un'intervista che l'idea del bacio tra le due donne prima di lanciarsi fu sua,e compì il gesto improvvisamente,senza lasciare il tempo di reagire a Geena Davis.Ridley Scott fu molto sensibile ai suggerimenti dei membri della troupe e degli attori,soprattutto per quanto riguardava i consigli che provenivano dalla Sarandon.Inoltre,il regista fu talmente colpito dalla colonna sonora creata da HANS ZIMMER da realizzare un inizio del film diverso da come lo aveva concepito,per fare una scena commentata unicamente dalle musiche del compositore.

domenica 21 ottobre 2012


AMERICAN GIGOLO (American Gigolo,USA 1980)
DI PAUL SCHRADER
DRAMMATICO
Il film fu considerato,da PAUL SCHRADER,come il primo capitolo di un'ideale trilogia,quella dell' "Uomo Solo".gli altri due sono "LO SPACCIATORE" e "THE WALKER":in tutto ci vorranno ventisette anni per concluderla.Agli inizi,il ruolo del gigolò Julian Key fu proposto a CHEVY CHASE,CHRISTOPHER REEVE ( al quale venne offerto un milione di dollari per la parte) e JOHN TRAVOLTA,che rifiutarono,ognuno per motivi differenti,di prendere parte alla pellicola.sul rifiuto di Travolta,sono diverse le versioni.Si è detto che nei primi anni ad Hollywood sull'attore italo-americano fossero girate voci di frequentazioni di giri non dissimili da quelli del film,come,ed è più probabile,che la star de "La febbre del sabato sera",forte a quell'epoca di un potere contrattuale molto sostanzioso,volesse il "final cut",per decidere la versione definitiva del racconto,e Schrader si fosse opposto rivolgendo a RICHARD GERE l'offerta per interpretare il suo film.Tra Gere e Travolta,sono numerose le volte che i due attori si sono "soffiati" i film a vicenda,da questo a "GREASE",proseguendo con "UFFICIALE E GENTILUOMO"," I GIORNI DEL CIELO" e "CHICAGO".JULIE CHRISTIE aveva accettato la parte principale femminile,Michelle,la moglie del politico che scagiona Julian dall'accusa di omicidio,ma quando sembrava che il ruolo andasse a Travolta abbandonò il progetto:quando venne reso noto che il protagonista sarebbe stato Gere,il ruolo non venne di nuovo offerto all'attrice,ma a MERYL STREEP,che non apprezzava il tono della sceneggiatura e rifiutò quindi di partecipare al film.Michelle venne così assegnata a LAUREN HUTTON,ex-modella.Schrader decise che il suo secondo film da regista avrebbe avuto uno stile minimalista,e dichiarò che avrebbe ricordato "PICKPOCKET" di ROBERT BRESSON,da cui era rimasto molto colpito.FERDINANDO SCARFIOTTI realizzò l'intero design per il film,ma,dato che non era iscritto all'albo americano delle maestranze cinematografiche,non potè essere indicato come scenografo,benchè il regista volle che venisse specificato nei titoli come "consulente visivo".Dopo l'uscita del film un giornale pubblicò un sondaggio che diceva che molte donne avrebbero pagato fino a 10,000 dollari per una notte con Richard Gere,dieci volte la tariffa chiesta dal protagonista della pellicola.GIORGIO MORODER chiese alla cantante dei FLETWOOD MAC,STEVIE NICKS,di interpretare il tema principale,ma la Nicks non potè accontentare il compositore perchè il contratto che aveva con la Modern Records la bloccava circa operazioni di questo genere.L'incombenza toccò allora ai BLONDIE,che fecero di "CALL ME" uno dei loro maggiori successi:DEBORAH HARRY rivelò in un'intervista che mentre scriveva il testo della canzone,aveva in mente la sequenza d'apertura del film,con il protagonista che guida una bella macchina sulle coste della California,su una base abbastanza vaga composta da Moroder,intitolata "Man Machine".Le occorsero solo poche ore per buttare giù il pezzo.

ALL THAT JAZZ-Lo spettacolo comincia
(All that Jazz,USA,1979)
DI BOB FOSSE
MUSICALE/DRAMMATICO
A sentire SHIRLEY MACLAINE,che lo scrisse nella sua autobiografia,l'idea per "ALL THAT JAZZ" a BOB FOSSE la fornì lei,andandolo a visitare in ospedale in seguito a uno degli attacchi cardiaci che colpirono il regista e coreografo,parlando di un musical sulla morte e sui rischi di una vita dissoluta:il regista le disse,tempo dopo l'uscita della pellicola,che non ricordava affatto questa cosa,ma che le aveva offerto il ruolo della moglie del protagonista Il film,comunque,prende molto spunto dall'infarto che colpì Fosse mentre stava montando "LENNY" e contemporaneamente dirigendo a Broadway "CHICAGO",nel 1974.Joe Gideon.RICHARD DREYFUSS fu scelto per interpretare il ruolo principale,ma abbandonò per motivi personali la produzione durante la fase preparatoria:la parte andò così al compagno di caccia allo squalo ROY SCHEIDER,che fisicamente ricordava maggiormente Fosse.L'attore dichiarò che aveva recitato,cantato e ballato prima in altre pellicole,ma mai tutte le tre cose insieme in un unico lungometraggio.Molti dei personaggi del film sono riferiti a vere personalità del mondo teatrale di New York dell'epoca:LELAND PALMER(di cui fu l'ultimo film) è praticamente la versione filmica dell'ex-moglie di Fosse GWEN VERDON,.JOHN LITHGOW si basa sul regista teatrale MICHAEL BENNETT,ANN REINKING rifà praticamente se stessa,la figliastra del regista NICOLE FOSSE,sedicenne all'epoca,poi inclusa anche nel cast di "A CHORUS LINE",appare brevemente in un numero di danza.Il personaggio di David Newman,interpretato da CLIFF GORMAN,era ampiamente basato su DUSTIN HOFFMAN.JULIE HAGERTY,che ebbe una breve relazione con il regista all'epoca della lavorazione del film,ebbe una parte non lunga,ma il suo personaggio venne eliminato nel montaggio finale.Le riprese durarono 101 giorni,e la post-produzione si protrasse per otto mesi.Il film lievitò nel budget dai 6 milioni e mezzo di dollari previsti fino ai 10 finali:la scena conclusiva del "Bye-bye life" fece crescere notevolmente il costo della produzione.La Columbia Pictures si rifiutò di finanziare ulteriormente il film,e la lavorazione rischiò di bloccarsi:alcuni produttori esecutivi,per sciogliere l'impasse,mostrarono al presidente della Fox quello che potevano del film.Impressionato,l'alto dirigente accettò di finanziare quel che occorreva per concludere l'opera,in cambio della distribuzione e dei diritti di sfruttamento televisivi del film. Fu l'ultimo musical diretto da Bob Fosse,che vi lavorò anche come coreografo.Nel biennio 79/80 uscirono due film con chiarissimi riferimenti al cinema di FEDERICO FELLINI,quali questo e "STARDUST MEMORIES" di WOODY ALLEN:in entrambi,il direttore della fotografia era GIUSEPPE ROTUNNO,collaboratore del regista riminese.Quando uscì in videocassetta,fu il primo film ad essere realizzato in versione stereofonica.

giovedì 18 ottobre 2012


AGENTE 007-OPERAZIONE TUONO(Thunderball,GB 1965)
DI TERENCE YOUNG
SPIONAGGIO/AVVENTURA
Nel 1959 IAN FLEMING si unì a KEVIN MCCLORY e JACK WITTINGHAM per scrivere una sceneggiatura intitolata "JAMES BOND,SECRET AGENT":ma con McClory,l'autore dei libri di 007 non ebbe un buon rapporto,ed il fallimento di un film scritto dal primo,spinse Fleming a escluderlo dal progetto.Tuttavia inserì le idee tirate fuori nei preparativi di questo copione mai concluso nel romanzo "THUNDERBALL" che stava scrivendo.Tuttavia,McClory indisse una causa  a Fleming sui diritti di sfruttamento,e causò il blocco delle opzioni di sfruttamento per i produttori della serie cinematografica di 007,HARRY SALTZMAN e  ALBERT "CUBBY" BROCCOLI,che figurarono appunto come produttori esecutivi,e non poterono come veri producers del film.In realtà,questo avrebbe dovuto essere il primo film della saga di James Bond,ed invece dovette slittare di tre anni,per permettere al caso giudiziario di concludersi:a Mc Clory andarono alla fine i diritti di sfruttamento su questa storia e 50,000 sterline di risarcimento."Thunderbeatle" era il nomignolo che Fleming aveva dato alla moglie Ann, e all'inizio del film,a Parigi,il cattivo Emilio Largo guida una Thunderbird."Thunderball" è un termine militare,che indicava la nuvola atomica a forma di fungo vista nei test nucleari.Il titolista MAURICE BINDER tornò a lavorare ad un film di 007 dopo aver preso parte a "LICENZA DI UCCIDERE" e saltando i successivi due:per la sequenza dei titoli di testa filmò,in bianco e nero,delle nuotatrici nude,aggiungendo effetti e colorazione successivamente.Binder si è occupato dei titoli di testa dei film di James Bond fino a "VENDETTA PRIVATA",del 1989.La sequenza iniziale della sceneggiatura prevedeva che il film si aprisse in un locale di strip-tease situato a Hong-Kong.Lo yacht di Largo fu ricavato da un idrovolante chiamato "The flying fish",acquistato e trasferito da Puerto Rico a Miami per essere "mutato";l'operazione costò 500,000 dollari dell'epoca.Il personaggio della cattiva Fiona Volpe si chiamava in origine Fiona Kelly,ed era irlandese,ma la nazionalità,ed il nome,vennero cambiati in riferimento a quella dell'attrice LUCIANA PALUZZI,che la interpretò.Il personaggio non appare nel romanzo originario,e la Paluzzi aveva fatto un provino per impersonare Domino,ma non venne presa.La battuta in cui Fiona irride Bond per la sua abilità a portare una donna a letto,è un riferimento ad una critica mossa da un giornalista all'uscita di "Missione Goldfinger",circa la bravura nel convincere una donna non esattamente propensa a cedergli come Pussy Galore.Questo film definì due capisaldi della serie:la sigla dei titoli di testa,che vennero realizzate in questo stile fino a "Vendetta privata",e i manifesti del film,con un quadro d'insieme dell'avventura specifica dell'agente 007,che cambiarono con l'avvento di PIERCE BROSNAN.La regia fu proposta a GUY HAMILTON,ma il regista declinò,perchè la lavorazione di "MISSIONE GOLDFINGER" lo aveva particolarmente affaticato:il film fu così affidato a TERENCE YOUNG,che aveva diretto il primo titolo della serie.Fu il suo ultimo contributo alla saga.Dopo il boom della serie,in seguito all'incredibile risultato commerciale di "Missione Goldfinger",il merchandising sull'agente 007 stava procedendo a gonfie vele:in concomitanza con l'uscita di "Thunderball" sul mercato venne immesso un pupazzo "action figure",creato dalla GI JOE,che ritraeva James Bond in tenuta da sommozzatore rossa,come si vede nel film.Originariamente,per il ruolo del nemico di 007,Largo,era stato scelto BURL IVES.RAQUEL WELCH,FAYE DUNAWAY,JULIE CHRISTIE,MARIA GRAZIA BUCCELLA furono prese in considerazione per il principale ruolo femminile,Domino:la Dunaway tornò ad essere ipotizzata come Bond-Girl anni dopo,per "OCTOPUSSY".L'accento di CLAUDINE AUGER,svizzera,era ritenuto troppo "francese" e l'attrice,che impersonava Domino,venne ridoppiata nella versione originale da NIKKY VAN DER ZYL,che aveva già prestato la voce a URSULA ANDRESS per "LICENZA DI UCCIDERE":anche ADOLFO CELI,il cui accento italiano sembrava troppo marcato,venne doppiato.Il razzo a propulsione che Bond usa all'inizio del film è preso da un reale progetto militare,concepito per scavalcare barricate o rialzi del terreno:stava in volo fino a ventuno secondi.Il minijet fu davvero guidato dall'ingegnere BILL SUITER,una delle due sole persone al mondo qualificate per manovrarlo.E' stato il primo film di 007 ad essere girato in Panavision.Su alcune copie non venne stampata,alla fine dei titoli di coda,la scritta "James Bond tornerà in Al servizio segreto di Sua Maestà",ed infatti questo film fece posto a "SI VIVE SOLO DUE VOLTE".Il budget che occorse per questo capitolo fu più alto di quello dei tre film precedenti messi assieme.Una canzone intitolata "Thunderball",scritta da JOHNNY CASH,venne offerta alla produzione,per fare da tema del film,ma venne rifiutata:sembrava che la canzone scelta fosse "Mr.Kiss Kiss Bang Bang",interpretata da DIONNE WARWICK,ma all'ultimo momento venne deciso che sarebbe stata quella di TOM JONES Questo perchè i produttori non erano convinti da un tema che non riportasse nel titolo o nel testo alcun riferimento a come il film fosse intitolato.Durante la registrazione della canzone dei titoli di testa,Jones chiese al compositore del testo cosa significasse la frase "e colpisce come thunderball":l'altro,stupito,gli rispose che non aveva idea del significato vero e proprio,ma suonava bene.L'acuto che Jones esegue nel finale della canzone lo fece quasi svenire dallo sforzo.Nella scena in cui Bond e Domino si incontrano sott'acqua e spariscono dietro una roccia marina,successivamente si sarebbe dovuto vedere la parte superiore del bikini della ragazza galleggiare verso la superficie,ma il produttore Broccoli pose il veto,reputando la scena troppo licenziosa.Fu il primo lungometraggio della serie in cui uno dei cattivi getta un subordinato in una vasca che contiene squali.Nella sequenza ove 007 si ritrova a tu per tu con gli squali,nella piscina di Largo,SEAN CONNERY avrebbe dovuto essere protetto da lastre di plastica trasparente che lo avrebbero diviso dagli animali,ma le barriere erano alte solo un metro circa,e gli squali riuscivano a nuotare sopra di esse,facendo sì che l'attore si ritrovasse vicino a loro più di quanto desiderasse.Young dichiarò,in un'intervista,che la reazione di Bond all'aggressione degli squali è parzialmente quella di Connery,impaurito dalla vicinanza dei pericolosi pescecani..Lo stuntman BILL CUMMINGS ottenne un extra di 450 dollari per un tuffo nella piscina con gli squali,per realizzare una sequenza aggiuntiva.Le molte scene sott'acqua del film sono dovute al forte interesse di McClory per la pesca subacquea.Lo stuntman BOB SIMMONS eseguì una vera e propria prodezza nella scena in cui Bond esce dall'auto che esplode,ripresa al circuito di Silverstone:il regista rimase sbalordito dal modo in cui Simmons realizzò la scena,quasi come una gag,e addirittura la troupe non riuscì a vedere a occhio nudo come lo stunt riuscì ad uscire dal mezzo,probabilmente perchè era un punto cieco per la visuale dal set.Gli effetti speciali che occorsero per far esplodere lo yacht di Largo,il "Disco Volante",furono così potenti da far sbattere,ed in qualche caso rompere,finestre di abitazioni a molta distanza dal punto in cui avvennero le esplosioni:si parlò addirittura di miglia di lontananza.Il tecnico non aveva idea di quanto potente fosse il razzo che innescava la deflagrazioneNella scena in cui i sommozzatori della SPECTRE estraggono le due bombe atomiche dal Vulcan,è leggibile la scritta "Maneggiare come fossero uova".Il primo film di 007 in cui il protagonista non fuma.Per Sean Connery,la sua miglior prova nel ruolo di James Bond.E' l'unico film della serie in cui si ha l'occasione di "intravedere" gli altri agenti con il doppio 0 davanti:nella scena della riunione con M,infatti,Bond va  a sedersi nella settima sedia da sinistra.Tuttavia,i volti delle altre spie non sono ripresi,tranne brevemente uno.Per la prima volta fu Sean Connery a realizzare la sequenza del "Gun Barrel" che tradizionalmente apre i film di 007,e non uno stuntman.La produzione visionò più volte "ORA X:GIBILTERRA O MORTE",per studiare come la lunga sequenza della battaglia tra sommozzatori finale potesse essere realizzata al meglio:il film preso in esame narrava infatti uno scontro tra sub inglesi e italiani.La ragione per cui diversi degli uomini di Largo parlano con accento italiano è che inizialmente la SPECTRE non sarebbe figurata,ma Bond avrebbe dovuto scontrarsi con la mafia,di cui Largo avrebbe dovuto essere un boss.Nella scena in cui 007 si reca a prendere il nuovo incarico,getta al volo il cappello sull'attaccapanni dell'ufficio,facendo una battuta a Moneypenny:uscendo,non lo riprende,ed è l'ultima volta in cui James Bond indossa un cappello nel proprio vestiario,salvo qualche rara eccezione.Nella sequenza iniziale,dell'ufficiale nemico travestito da signora in lutto,le prime scene furono realmente interpretate da una donna,ROSE ALBA,ed infatti esibisce una gamba coperta da una calza molto femminile:poi,la figurante fece posto al veterano Bob Simmons,che interpreta il nemico di Bond con cui il protagonista ingaggia una lotta all'ultimo sangue."Thunderball" risultò come il film di Bond più visto per anni,con 140 milioni di biglietti venduti,battendo "Missione Goldfinger",che si era fermato a 130.I membri del cast e dello staff tecnico vennero intervistati più volte per via del grande successo della serie,Connery rilasciò una sola intervista,a "Playboy".I costi delle attrezzature subacquee ammontarono alla cifra di 85,000 dollari.La scena della parata,in cui si vede chiaramente un cane far pipì prima dell'arrivo della sfilata,venne inizialmente tagliata al montaggio,ma i produttori chiesero a Young di includerla nel film definitivo,perchè aggiungeva verosimiglianza alla sequenza.Quando,nel finale,Bond e Domino vengono agganciati dall'elicottero e alzati a bordo del canotto,si fa riferimento ad un reale metodo di salvataggio praticato dalla Marina americana.Aggiornati ad oggi,tenendo conto di inflazione,svalutazioni varie e costo del denaro,"Thunderball" risulterebbe il maggior incasso di sempre della serie,addirittura al settimo posto nella classifica assoluta degli incassi mondiali.

mercoledì 17 ottobre 2012


LA COSA DA UN ALTRO MONDO
(The thing from another world,USA 1951)
DI CHRISTIAN NYBY e HOWARD HAWKS
FANTASCIENZA
Il film era basato sul racconto fantascientifico "Who is there?" di DON A.STUART,anche se i titoli accreditano i meriti al vero nome di Stuart,JOHN W.CAMPBELL Jr.,che era uno scrittore di fantascienza abbastanza conosciuto. Generalmente attribuita a HOWARD HAWKS,che fu coinvolto a riprese già iniziate,come supervisore che poi guidò,invece,il più inesperto CHRISTIAN NYBY:in un'intervista anni dopo,JAMES ARNESS,che impersona "la Cosa",disse però che in effetti era Nyby il vero regista,e Hawks si vedeva sul set solo ogni tanto.Anche circa la sceneggiatura sono girate voci strane:pare addirittura che,non accreditati,BEN HECHT,WILLIAM FAULKNER e ORSON WELLES vi abbiano messo mano,ma sembra che non sia vero niente.Due mesi prima dell'avvio delle riprese,Arness venne convocato per sottoporgli il costume e il design del trucco:l'attore disse che il costume definitivo lo faceva sembrare una grossa carota.Alla prima del film,l'interprete disertò l'evento perchè si sentiva imbarazzato dal ruolo.Il truccatore LEE GREENWAY dovette costruire 18 versioni,in cinque mesi,della creatura perchè Hawks,.che era anche il produttore della pellicola,si dicesse soddisfatto.Parte del film venne girata al Parco Nazionale del Ghiaccio.Hawks chiese la collaborazione dell'Aeronautica Militare per il film,ma non gli fu concessa:gli venne specificato che se fosse stato fornito un aiuto da parte del Governo,sarebbe stata un'implicita ammissione che lo stesso credeva esistessero gli UFO.Inoltre,quando il produttore e regista tentò di assicurare la Creatura,la sua iniziativa venne cassata da tutte le maggiori compagnie,in quanto veniva congelata,elettrificata,attaccata dai cani e assalita a colpi d'ascia.La celebre scena dell'equipaggio disposto a cerchio attorno al misterioso oggetto incagliato nel ghiaccio venne girata al quartier generale della RKO,con molti gradi sottozero.Nella scena in cui la "Cosa" viene data alle fiamme,Arness venne sostituito dallo stuntman veterano TOM STEELE,che indossò una corazza di asbesto,uno speciale casco di resina e una bombola di ossigeno suppletiva per respirare meglio:forse non era a conoscenza che l'ossigeno è altamente combustibile,e che respirando ossigeno diretto sotto un calore così alto avrebbe potuto bruciarsi i polmoni.E' stata la prima volta che nel cinema è stato mostrato un essere vivente che prende fuoco.Nei titoli di testa,singolarmente per l'epoca,non viene mostrato alcun nome del cast.Fu il primo dei due soli titoli prodotti dalla compagnia creata da Hawks,la Winchester PIctures Corporation.Per registi del calibro di RIDLEY SCOTT,JOHN CARPENTER,JOHN FRANKENHEIMER e TOBE HOOPER è stato un titolo cruciale nella loro formazione,spesso citato dagli stessi nelle interviste.

lunedì 15 ottobre 2012


FRA' DIAVOLO (THE DEVIL'S BROTHER,USA 1933)
DI HAL ROACH e CHARLEY ROGERS
COMMEDIA
E' l'unico film in cui,nell'originale,STAN LAUREL e OLIVER HARDY vengono chiamati "STANLIO e OLLIO",come nella versione italiana delle loro usuali comiche e pellicole.HAL ROACH aveva sempre sognato di trasporre sullo schermo la commedia "FRA' DIAVOLO",e spinse per produrre e dirigere questo film,cercando di farne una versione memorabile.Il primo montaggio era di 117 minuti di proiezione,che furono portati a 90.Per il ruolo poi andato a LUCILLE BROWN,era stata dapprima indicata ANITA LOUISE.Nel girare la scena della cantina,era così freddo all'interno,che è rimasto visibile il vapore del respiro di Ollio.E' stato il primo film per Stanlio e Ollio a venir tratto da un'operetta:il suo successo fu così vasto che venne messo in cantiere subito "THE BOHEMIAN GIRL",.sempre con la coppia di comici.Fu uno dei primi film,in assoluto,ad avere la musica sui titoli di coda.Per Stan Laurel è stato,su sua stessa ammissione,come una delle migliori cose fatte in coppia con Hardy.

sabato 13 ottobre 2012


CHARLES BRONSON
(Charles Dennis Buchinsky,3/11/21,Ehrenfeld,Pennsylvania,USA-30/08/03,Los Angeles,California,USA)
Venne chiamato,da un giornalista,"un CLARK GABLE che è stato tenuto troppo tempo al sole":CHARLES BRONSON,nato Charles D.Buchinsky,era figlio di un minatore lituano emigrato in Pennsylvania,con tredici fratelli.Si diplomò e fece poi il lavoro del padre ( e da qui derivò la sua claustrofobia),finchè non partì come soldato per la II Guerra Mondiale.Inizialmente conduceva carichi di armi con il camion,poi venne imbarcato a bordo di B-29,e venne decorato alla fine del conflitto con il Purple Heart,per aver partecipato ad oltre 50 missioni.Al ritorno volle usare la borsa di studio che aveva conseguito per iscriversi alla Pasadena Playhouse in California,e studiare recitazione.Un insegnante fu molto colpito dalla passione del giovane,e lo segnalò a HENRY HATAWAY,che lo fece debuttare in "IL COMANDANTE JOHNNY".Il nome d'arte Bronson venne dal "Bronson Gate",un'entrata della Paramount Studios che dava appunto su Bronson Avenue.Inizialmente,l'attore partecipò a diversi film senza essere accreditato:tuttavia,venne notato dal pubblico nei panni del cattivo assistente di VINCENT PRICE,in "LA MASCHERA DI CERA".Il fisico muscoloso lo faceva risultare adattissimo a ruoli d'azione,spesso a torso nudo per esaltarne la virilità.Fu apprezzato dai critici in tre western:"VERA CRUZ","LA TORTURA DELLA FRECCIA" e "OMBRE GIALLE".ROGER CORMAN lo volle in uno dei ruoli principali del suo "LA LEGGE DEL MITRA",e nello stesso anno,il 1958,Bronson esordì in un telefilm che lo vedeva protagonista,"THE MAN WITH A CAMERA".All'inizio degli anni Sessanta,il sorgere del modello di eroi dalle poche parole e dediti all'azione,favorì non poco la carriera di Charles Bronson.JOHN STURGES lo volle per interpretare il messicano Bernardo ne "I MAGNIFICI SETTE",e poi ancora ne "LA GRANDE FUGA" nella parte dello scavatore di tunnel polacco Danny Velinsky:la carriera di Bronson era avviata,e interpretò numerosi ruoli da duro in titoli come "QUELLA SPORCA DOZZINA","C'ERA UNA VOLTA IL WEST","SOLE ROSSO".E pensare che per "UN PUGNO DI DOLLARI" ,SERGIO LEONE aveva interpellato lui per primo,ma al suo rifiuto a prendere parte alla pellicola,puntò su CLINT EASTWOOD.Soprattutto in Europa,il suo stile minimalista nel recitare piaceva,e venne spesso coinvolto in coproduzioni nel Vecchio Continente quali gli ultimi due film di cui sopra,"L'UOMO CHE VENNE DALLA PIOGGIA","DUE SPORCHE CAROGNE".L'attore tornò ad anni Settanta iniziati in patria,forte di molti successi conseguiti con i film girati in Europa,venne scritturato per diversi ruoli d'azione,con registi d'esperienza,come "JOE VALACHI","CHATO","L'ASSASSINO DI PIETRA","A MUSO DURO".L'inglese MICHAEL WINNER rimase particolarmente colpito dall'interprete da volerlo di nuovo in "PROFESSIONE ASSASSINO",e proporgli poi "IL GIUSTIZIERE DELLA NOTTE",scritto con HENRY FONDA in mente,che aveva però rifiutato il ruolo,disgustato dal copione.Il film ottenne un successo straordinario,ed ebbe numerose imitazioni:era il periodo in cui il crimine da strada stava prendendo campo in America,e il pubblico premiava personaggi che rispondevano alla stessa stregua a chi rapinava,stuprava o uccideva.Si può dire che Charles Bronson sia la star esplosa più in avanti con gli anni,dato che il film di Winner uscì quando l'attore aveva appena compiuto 53 anni.Dato il seguito di questo film,ne vennero prodotti,lungo vent'anni,quattro sequel,che comunque avevano un pubblico di sostenitori accaniti:dopo questo film,Bronson dette quella che,a detta anche di molti critici,sia stata la sua migliore interpretazione di sempre,quella del pugile clandestino in "L'EROE DELLA STRADA" di WALTER HILL.Un aneddoto raccontato da Bronson narra che l'attore,in visita a Roma,venne fermato in una strada da qualcuno che gli piantò qualcosa tra le scapole,dicendogli,in pessimo inglese,di dargli i soldi:senza scomporsi,Bronson si voltò di scatto e ingiunse al rapinatore di essere lui ad esigere dei soldi dall'importuno,facendo allontanare velocemente il tizio.JOHN HUSTON lo defini "una bomba a mano con la linguetta alzata".Fu il primo nome ad essere preso in considerazione per interpretare "1997;FUGA DA NEW YORK".E per il ruolo principale ne "IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE" fu uno degli attori della rosa finale dei candidati.L'attore continuò ad interpretare film in quantità notevole,spesso più di uno all'anno,fino alla seconda metà degli anni Ottanta,spesso chiamato ad impersonare vigliantes e giustizieri metropolitani,fino alla prova d'attore che gli riconquistò molta stima presso la stampa,quella del sindacalista che viene ucciso in "L'ESECUZIONE",e poi il ruolo paterno che gli valse un lungo applauso al Festival di Venezia in "LUPO SOLITARIO"di SEAN PENN,tanto intenso da commuovere pubblicamente il duro Charles.In privato,Bronson,aveva lamentato spesso la propria frustrazione per essere quasi costretto ai ruoli che lo hanno reso celebre.Secondo molti registi con cui ha lavorato,è stato uno degli attori più professionali mai conosciuti:era uso sedere ad ascoltare le istruzioni dei registi,e stava silenzioso sul set finchè non entrava in scena.Il suo ruolo preferito rimaneva quella del pistolero vendicatore di "C'era una volta il West".Anche Leone fu colpito dall'attore,defininendolo,uno dei migliori in assoluto con cui avesse lavorato.I registi con cui ha lavorato maggiormente sono stati J.LEE THOMPSON (nove film insieme) e con Winner (sei).Parlava fluentemente russo,lituano e greco.La chiusura della sua carriera è avvenuta con i film per la TV "SOSPETTI IN FAMIGLIA",tre capitoli destinati probabilmente ad aumentare,se il morbo di Alzheimer non fosse intervenuto a costringere la star al ritiro.
AFFERMAZIONI PERSONALI:
"Non penso di sembrare il tipo da bicchiere da cocktail in mano,lo sapete.Sono più credibile con una bottiglia di birra."
"Non sono un fan di me stesso."
"Nessuno sta in cima per sempre.Nessuno!"
"ROBERT ALDRICH è davvero un ottimo regista.Ma ha una colpa:è inflessibile.E' inorridito se gli suggerisci un'idea diversa dalle sue,apprezza solo le sue.Se non avesse questo difetto,sarebbe uno dei migliori in assoluto.Ha la pretesa di avere una mente che pensa a tutto,ma è impossibile per qualsiasi essere umano sapere tutto."
"Quando ami davvero qualcuno,assumi il suo malessere.E' per questo che ci sono dei mariti che arrivano al mattino malconci se le loro mogli sono incinte.Per Jill dovevo apparirle forte,comunque,anche ero a pezzi.Non volevo che si buttasse giù,ma la paura ti colpisce,prima o poi,in ogni modo.Poi c'è anche la rabbia,e la frustrazione,quando sei accanto a qualcuno malato irrimediabilmente.Lei aveva bisogno di qualcuno accanto che capisse cosa pensasse.E io ero lì per questo."

martedì 9 ottobre 2012


TI PRESENTO I MIEI (Meet the parents,USA 2000)
DI JAY ROACH
COMMEDIA
Sulle prime pareva che il ruolo del genero assillato dal suocero ex-agente CIA andasse a JIM CARREY,che aveva già fornito giochi di parole e battute poi "assorbite" dal copione finale di "TI PRESENTO I MIEI":il cognome Fockers è da attribuire a lui.La prima scelta per il ruolo del padre della futura sposa è sempre stato ROBERT DE NIRO,in alternativa i produttori avevano pensato a CHRISTOPHER WALKEN.JULIA STILES doveva interpretare il ruolo principale femminile,poi andato a TERI POLO,ma scelse invece di girare "DIECI COSE CHE ODIO DI TE".Lo sceneggiatore preferito di BEN STILLER, JOHN HOMBURG,supervisionò e riscrisse alcune parti della sceneggiatura,non accreditato,che non convincevano il regista.Il comitato per la censura (MPAA) avvisò la produzione che non avrebbe permesso di usare il cognome Fockers finchè non venisse dimostrato che negli Stati Uniti esistesse davvero.Lo spelling fonetico della parola FOCKER che De Niro compie è davvero quello usato solitamente nei codici NATO (Foxtrot,Oscar,Charlie,Kilo,Echo,Romeo).Nella sequenza in cui Stiller e Teri Polo sono sul letto e lui le palpa il seno,l'attrice riempì il reggiseno di fazzoletti di stoffa,per evitare momenti di imbarazzo reciproci.

lunedì 8 ottobre 2012


UN MONDO PERFETTO ( A perfect world,USA 1993)
DI CLINT EASTWOOD
DRAMMATICO
Il copione di "UN MONDO PERFETTO" passò nelle mani di STEVEN SPIELBERG,che considerò di girarlo.Poi fu un progetto a cui si appassionò CLINT EASTWOOD. Inizialmente Eastwood avrebbe voluto DENZEL WASHINGTON nel ruolo di Butch,ma il ruolo andò poi a KEVIN COSTNER.Inizialmente Eastwood non doveva recitare nel film,lasciando il ruolo dello sceriffo ad un altro attore,ma Costner insistette molto con lui,che decise poi diversamente.Il regista ed interprete compare nel film 26 minuti prima del finale,per un totale di 43 minuti sullo schermo su 138 di proiezione.E' il primo film dai tempi di "GLI AVVOLTOI HANNO FAME",del 1970,in cui Eastwood non è il più pagato dei partecipanti al lungometraggio.Molte delle auto presenti nel film provengono dal museo di automobili antiche di Austin.Sia Costner che Eastwood avevano vinto da poco l'Oscar come migliori registi.All'inizio del racconto viene specificato che il presidente Kennedy sta per visitare il Texas,ed il governatore dello stato sia in corsa per la rielezione:In Texas,dal 1876 al 1972 il governatore stava in carica per soli due anni,e Kennedy è stato ucciso nel 1963,quindi è stato commesso un errore di collocamento storico.

domenica 7 ottobre 2012


I PREDATORI DELL'ARCA PERDUTA
(Raiders of the lost ark,USA 1981)
DI STEVEN SPIELBERG
AVVENTURA/FANTASTICO
L'idea a proposito di un archeologo-avventuriero venne in mente a GEORGE LUCAS più o meno al tempo in cui cominciò a formulare "STAR WARS".Lucas aveva preso l'abitudine di recarsi alle Hawaai dopo aver concluso la lavorazione di un film,per rilassarsi e svuotarsi la mente,cercando nuovi spunti per progetti da mettere in cantiere:"GUERRE STELLARI" stava realizzando incassi straordinari,e Lucas venne raggiunto da STEVEN SPIELBERG,che aveva appena concluso "INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO":i due cineasti parlavano di James Bond,e cominciarono a definire un personaggio che fosse avventuroso,ma più ironico,e colto.Spielberg affermò che in futuro avrebbe diretto con entusiasmo un'avventura di Bond,ma Lucas lo convinse che avrebbero potuto generare insieme un "rivale" per 007:sembra che il tutto si sia svolto costruendo un grosso castello di sabbia.Più avanti,i due si congiunsero a LAWRENCE KASDAN ,che cominciò a buttare giù la sceneggiatura per il nuovo progetto su indicazioni dei due colleghi e amici.Anche PHILIP KAUFMAN è riconosciuto tra i creatori di Indiana Jones,perchè condivise,parlando con Lucas,la nascita del personaggio,fino dai primi anni Settanta:a Kaufman,in particolare,è attribuita l'ispirazione circa l'Arca dell'Alleanza.come obbiettivo della ricerca dell'eroe.Inizialmente,proprio al regista di "TERRORE DALLO SPAZIO PROFONDO" era stato pensato di affidare la regia del film.E' notorio che Indiana fosse un cane appartenuto a Lucas,che gli ispirò anche Chewbacca,e la combinazione tra il nome di uno Stato degli USA ed un cognome molto diffuso venne da un riferimento a "NEVADA SMITH" con STEVE MCQUEEN.Fu HARRISON FORD il nome che Spielberg indicò come potenziale protagonista,dopo averlo visto in "Guerre stellari",ma Lucas obiettò che Ford aveva già lavorato con lui sia nel film in cui era Han Solo che in "AMERICAN GRAFFITI",.e venne così scelto TOM SELLECK:ma il prestante attore era sotto contratto per una serie di "MAGNUM P.I." e non poteva assolutamente incastrare le due cose per problemi di tempo e praticità,e fu costretto a declinare l'offerta.Tempo dopo girò un episodio in cui parodiava Indiana Jones.La parte venne offerta a JEFF BRIDGES,che non accettò.I nomi che corsero per la candidatura ad essere il protagonista di questa pellicola furono allora TIM MATHESON,NICK NOLTE,PETER COYOTE,CHEVY CHASE,BILL MURRAY e STEVE MARTIN.L'impronta,inizialmente,sembrava appunto sottolineare la carica umoristica del film,ma probabilmente Spielberg frenò questa tendenza dopo il gigantesco insuccesso di "1941",commedia kolossal che rischiò di affondargli la carriera.Si ritornò infine a Ford,che venne assunto tre settimane appena che partisse il primo ciak.Lucas e Spielberg discussero a lungo come dovesse essere il personaggio femminile da mettere accanto all'eroe:prima venne indicata come una spia nazista,poi i due dibatterono se dovesse essere una sorta di mentore per il protagonista,o un antico amore.Fu Kasdan a combinare le due cose,facendo di Marion la figlia di una figura di riferimento per Indiana Jones,amata un tempo.Per il ruolo di Marion,dopo aver pensato a AMY IRVING,all'epoca compagna del regista,venne presa in esame DEBRA WINGER,che non convinceva gli autori:ad un certo punto parve che fosse SEAN YOUNG a prendere la parte,ma alla fine fu KAREN ALLEN a diventare la coprotagonista del film.Inizialmente concepito come un film d'avventura a basso costo,lievitò dai 7 milioni di budget previsti a 22,per l'epoca un impegno economico considerevole,cinematograficamente parlando.L'innalzamento dei costi fu compensato dal diventare il campione assoluto di incassi del 1981,ed uno dei film più redditizi di tutti i tempi.Inizialmente si fece il nome di DANNY DE VITO per interpretare Sallah,l'amico egiziano di Indiana Jones che dà un importante contributo alla riuscita dell'azione dell'eroe:ma,come per Selleck,De Vito era sotto contratto per "TAXI" e non potè prendere parte al film:più tardi ha recitato in "ALL'INSEGUIMENTO DELLA PIETRA VERDE",che è una chiara derivazione da "I predatori dell'arca perduta".JOHN RHYS-DAVIES rimase perplesso quando scoprì che Sallah,il suo personaggio,nella sceneggiatura era descritto come un individuo basso e magrolino:ma Spielberg,colpito dal timbro di voce dell'attore,percepì in lui una traccia dello shakespeariano Falstaff,e volle che Rhys-Davies combinasse la cadenza della sua voce tra il personaggio che interpretava nella serie tv "SHOGUN",Vasco Rodrigues,e il protagonista della tragedia.Spielberg inizialmente cercò di ingaggiare GIANCARLO GIANNINI per il ruolo del cattivo Belloq,poi,data l'indisponibilità dell'attore italiano,si puntò su JACQUES DUTRONC, che non volle prendere parte al film per la sua difficoltà ad apprendere l'inglese:venne scelto così PAUL FREEMAN,per via dei suoi occhi così vividi e per lo sguardo che colpiva.Il sadico inquisitore nazista che tortura Marion non viene mai chiamato per nome,ma si chiama Toht,che si pronuncia Tot,in tedesco "morte":il ruolo venne offerto a KLAUS KINSKI,ma l'attore espresse la sua ammirazione per Spielberg,ma definì il copione ridicolo,e rifiutò:in realtà Kinski disse ad altri che gli avevano offerto troppo poco per la sua partecipazione.Il ruolo andò a RONALD LACEY,che aveva smesso di recitare per diventare un agente di altri attori,ma a Spielberg ricordava molto PETER LORRE.MELISSA MATHISON,sceneggiatrice e moglie di Harrison Ford all'epoca,si recò in visita sul set a trovare il consorte,e Spielberg parlò con lei di un progetto che aveva in mente,dettandole i punti salienti:la scrittrice approfittò delle pause delle riprese per stendere il copione di quello che l'anno dopo sarebbe divenuto "E.T.".Lucas operò come regista in seconda in qualche occasione.La scena d'apertura in un tempio sudamericano sperduto nella jungla è parzialmente ispirato su un'avventura di Paperino,del fumettista CARL BARKS,ufficialmente molto apprezzato da Spielberg e Lucas.Il giubbotto di pelle di Indiana Jones venne invecchiato appositamente per avere un'aria più vissuta:ce ne erano dieci esemplari tutti uguali per Harrison Ford e gli stuntmen.La frusta misurava circa tre metri e mezza,ma ne vengono usate anche versioni più corte.Il cappello invece veniva da un celebre negozio,Herbert Johnson,a Londra:il protagonista si provò vari modelli,e scelse uno di tipo australiano,che gli sembrava confortevole più degli altri.Il fatto che il cappello rimanga in testa all'eroe qualsiasi prodezza compia è un dichiarato omaggio ai serial avventurosi degli anni Quaranta:questo accadeva per un discorso di montaggio e continuity,ma anche perchè all'epoca gli eroi dovevano risultare fondamentalmente dei gentlemen,e quindi mantenere in ogni situazione un minimo di portamento.Spielberg infatti dichiarò che aveva realizzato il film come un B-Movie de luxe,la versione modernizzata e fatta meglio di quei vecchi film avventurosi e a basso budget.In una prima stesura della sceneggiatura,Indy viaggia verso Shanghai per recuperare un pezzo dell'amuleto di Rah:durante la fuga dal museo dove era conservato il prezioso reperto,l'eroe scampava a raffiche di mitra rifugiandosi dietro un gong enorme che ruzzolava.Questa scena,scartata nelle successive versioni della sceneggiatura,venne messa in atto nell'inizio del sequel di questa pellicola,"INDIANA JONES E IL TEMPIO MALEDETTO".La battuta "Non sono gli anni,sono i kilometri." venne aggiunta da Ford spontaneamente e lasciata nel montaggio definitivo.Harrison Ford aveva tre controfigure per le scene d'azione:una per le sequenze a cavallo,una per quelle di combattimento,ed un'ultima per la scena dell'inseguimento del camion cui Indiana Jones finisce trascinato sotto.Questa scena fu un dichiarato omaggio al celeberrimo stunt YAKIMA CANUTT,che girò sequenze pericolose in "OMBRE ROSSE":venne girata con una velocità maggiore del resto,quindi le ruote,in realtà,si mossero più lentamente di come appare sullo schermo.Tutte e tre le controfigure interagiscono con il protagonista nella scena,vestiti da soldati tedeschi.La scena richiese otto settimane per essere girata e rifinita.Il film vede l'esordio di ALFRED MOLINA al cinema,che impersona il sudamericano che accompagna e tradisce Indiana Jones nel tempio all'inizio del film:come primo giorno di riprese,l'attore girò il momento in cui era ricoperto di ragni tropicali.L'effetto degli spiriti che fuoriescono dall'Arca sono modelle riprese al rallentatore sott'acqua attraverso una speciale lente che dava una qualità eterea alle immagini.Durante la parte della lavorazione in Tunisia quasi tutta la troupe ebbe problemi di infezione intestinale,eccetto Spielberg,forse perchè si era portato dietro barattoli e barattoli di spaghetti in scatola.La celebre scena in cui Indiana Jones spara al guerriero che gli si pone davanti con una scimitarra fu un'invenzione di Ford,in seguito ai problemi di cui sopra,che non si sentì di girare la sequenza di lotta tra frusta e spada.Harrison Ford estrasse la pistola e sparò,e a Steven Spielberg piacque di più così,e volle mantenere questa maniera di girarla.Lucas,producendo il film,strinse un affare quanto meno vantaggioso per l'epoca:si accordò con la Paramount per il 40 % della proprietà dei diritti di sfruttamento della pellicola,e accollò allo studio l'intero budget di oltre venti milioni di dollari.Ma il boss degli esecutivi della casa riferì che leggendo la sceneggiatura del film,pensò che era la migliore che gli proponevano da anni,e fiutò le alte potenzialità commerciali dell'operazione.Benchè i nazisti parlassero in tedesco,per la versione tedesca del film vennero ridoppiati,perchè la pronuncia era veramente grossolana e avrebbe fatto scadere la qualità del lungometraggio.Le istruzioni per la forma dell'Arca sono nella Bibbia,in "Esodo,25:10".La frase "Non mi trovo bene con questi rituali Ebrei",pronunciata da Dietrich,fu l'ultima aggiunta alla sceneggiatura,e venne messa perchè nel film non ci sono altri riferimenti all'inimicizia tra Nazisti e Ebrei.La scena iniziale,in cui Indiana Jones cade raggiungendo il biplano mentre fugge dagli indios,venne ripresa da cinque diverse angolazioni,Ford inciampò davvero,e le immagini rimasero nel montaggio definitivo.Il disegnatore di fumetti Marvel JIM STERANKO venne chiamato da Lucas per un apporto sostanziale allo storyboard del film.Quando Brody si reca a casa di Indiana Jones per parlargli della missione circa l'Arca dell'Alleanza,il protagonista è reduce da una nottata amorosa:nel primo montaggio si vedeva sgusciare via dalla casa una ragazza,senza farsi vedere da Brody.Ma Spielberg preferì tagliare la scena perchè non voleva classificare Indy come un playboy alla James Bond.Nella scena in cui Indy punta il bazooka sui nazisti si nota una mosca entrare in bocca a Paul Freeman-Belloq e l'attore la ingoia:la rivista "Empire" l'ha classificata come una delle più "bloccate" con il tasto "pausa" del videoregistratore di tutti i tempi.Molti dei serpenti visibili nella scena del Pozzo delle Anime sono orbettini,lucertole senza zampe:e durante la stessa sequenza,uno dei pitoni morì per il morso di un cobra.Per girare tale scena,la produzione sguinzagliò una ricerca in ogni negozio di animali di Londra e dintorni per procurarsi quanti più serpenti possibili.Infatti,non è possibile identificarli,ma ci sono serpenti che non apparterrebbero a razze presenti in quella zona geografica.Furono anche stesi serpenti di gomma per aumentare il "colpo d'occhio":Spielberg ammise in seguito che la visione di così tanti serpenti lo spaventava,e più di una volta,per effettuare le riprese,si è sentito vicino ad essere morso.Per girare la sequenza in cui Indiana Jones è faccia a faccia con un cobra,venne posto un cristallo spessissimo tra Harrison Ford e l'animale,che spruzzò del veleno dalla bocca sul vetro.La censura classificò "R" il film,per via del finale in cui teste si liquefacevano e così venne aggiunto l'effetto speciale del fuoco che filtrava le immagini,per rendere graficamente più sfumata la sequenza.La scena in cui la scimmietta cebo fa il gesto del saluto nazista e, " a modo suo",dice "Heil Hitler" fu fortemente voluta da Lucas,ed è una delle due sequenze preferite della pellicola del regista Spielberg (l'altra è quando Indiana Jones e Marion si lasciano andare ad un intermezzo romantico):per ottenere dall'animaletto la performance,venne messo un chicco d'uva legato ad una lenza,e la piccola scimmia muoveva la zampina per prenderlo.Ci vollero 50 riprese per farlo sembrare un riferimento chiaro al saluto degli adepti hitleriani:il verso è invece opera di FRANK WELLER,uno specialista nel produrre suoni con vocalizzi.La base per sottomarini tedesca non era un set,ma una vera base abbandonata dall'esercito germanico a La Rochelle,in Francia;il produttore ROBERT WATTS era meravigliato di come si fosse mantenuta quasi intatta per quarant'anni,da risultare un set perfetto.L'idolo che sfugge a Indiana Jones nel prologo è un'immagine di fertilità:ritrae una donna che partorisce.Girare in Tunisia si rivelò molto pesante,ed infatti Spielberg accelerò il ritmo delle riprese,portando dalle sei settimane previste a poco più di quattro,facendo guadagnare alla lavorazione ben dodici giorni di chiusura anticipata della lavorazione.Nella novelization è descritto come nell'amuleto di Ra sia specificata l'avvertenza di non guardare all'interno dell'Arca,ed è per questo che Indiana Jones e Marion si sottraggono al destino letale degli altri presenti all'apertura dell'oggetto:è un'allusione biblica,a "Samuele,6:19" ove Dio acceca gli uomini che si sono permessi di guardare nell'Arca.JOHN WILLIAMS scrisse due temi per il film:li fece ascoltare entrambi,con il piano,al regista,che li elogiò entrambi e consigliò al musicista di assemblarli.Il risultato è la marcetta di Indiana Jones,che è divenuto uno dei temi musicali cinematografici più conosciuti di sempre.

giovedì 4 ottobre 2012

ROCKY II (Rocky II,USA 1979)
DI SYLVESTER STALLONE
DRAMMATICO
Così come per il primo film,anche per "ROCKY II" SYLVESTER STALLONE immise parte della sua vita nella sceneggiatura:infatti,uno dei punti salienti della storia,come molto della serie sul pugile di Philadelphia,è come gli eroi popolari facciano presto a scivolare via dalla memoria della gente.Dopo l'inaspettato trionfo del lungometraggio che vinse l'Oscar nel 1976,Stallone era ferito dagli insuccessi di "TAVERNA PARADISO" e "F.I.S.T.":questo è avvertibile nella trama del secondo film di "Rocky".Lo stesso Stallone scrisse la novelization del film,come usava spesso all'epoca:era narrata in prima persona dallo stesso Rocky,con le inflessioni slang che era uso fare,e le scene in cui non era presente,erano narrate normalmente in terza persona,ed in inglese più formale.Nella prima stesura della sceneggiatura,la rivincita di Rocky Balboa contro Apollo Creed avveniva su un ring montato nel Colosseo.Ed un'altra scena mostrava,in flashback,come Rocky e Mickey si erano conosciuti,e si scopriva il vero nome originale del boxeur,Robert.Durante la preparazione fisica per girare il film,Sylvester Stallone stava alzando quasi 100 kg con un bilanciere,quando uno dei pesi scivolò via e l'attore si strappò il pettorale destro:per questo,Stallone girò quasi tutte le scene del combattimento finale seriamente infortunato.Quando Rocky si sta allenando con uno sparring partner,più piccolo e veloce,questi non è altro che un celebre pugile,ROBERTO DURAN.Il libro che Rocky legge ad Adriana quando è in coma è il romanzo di EDGAR RICE BURROUGHS "The Deputy Sheriff of Comanche County",edito nel 1940.Per la sequenza in cui Rocky,correndo per l'ultimo allenamento,viene seguito da una crescente masnada di bambini,vennero presi 800 ragazzini che andavano a scuola vicino a dove il film veniva girato.Nel match finale Apollo indossa i pantaloncini che porta il ritratto di Rocky nel manifesto enorme che si vede nel primo film.Per realizzare la scena del combattimento in maniera efficace,occorsero otto mesi di montaggio al regista e protagonista,assieme a DANFORD B.GREENE e STANFORD C.ALLEN.Originariamente,Adriana doveva essere presente al combattimento che è il clou della pellicola,ma TALIA SHIRE doveva,per contratto,cominciare a girare "PROFEZIA",e quindi potè essere presente non per molto tempo,e così la sceneggiatura conobbe un cambiamento importante,visto che la moglie di Rocky deve appunto starsene a casa a guardare il marito boxare in tv,per le conseguenze di un post-parto complesso.Stallone cominciò a scrivere "ROCKY III" non appena concluso questo numero due,perchè voleva che la serie del pugile di Philadelphia divenisse una trilogia,ed un quarto capitolo,all'epoca,non era assolutamente progettato.